-COME SI SVOLGE UN INCONTRO-
 

I partecipanti prendono posto intorno al futon.

Ogni persona riceve una bambola per la meditazione.

Iniziamo con un giro veloce per dire il nostro nome e la nostra intenzione per questo trattamento.

Il cantastorie racconta la storia di Cheng,

i partecipanti iniziano a fare la loro bambola,

e l'una dopo l'altra, ogni persona passa sul futon per ricevere un trattamento shiatsu personalizzato.

Finiamo con un giro di parola per condividere le nostre sensazioni, per chi ne ha voglia.

Un trattamento collettivo:
Il gruppo crea un campo energetico intorno al futon.
Ogni gruppo dà un tono particolare all'incontro, un'intenzione,

una direzione e la condivisione di questa esperienza in un piccolo gruppo (5 persone al massimo) dà un'altra dimensione al trattamento individuale.


Un trattamento individuale:

Ogni persona percepisce il racconto a modo suo,

crea la sua bambola e riceve uno shiatsu personalizzato,

così ogni persona fa la sua propria esperienza del trattamento.  
 

È un trattamento molto completo perché impegna allo stesso tempo l'individuo e il collettivo, la mente analitica e poetica,
il corpo, l'inconscio e la relazione che abbiamo con il nostro corpo

e la nostra psiche. 

"Ad ogni incontro mi stupisce la profondità e la dolcezza dei cambiamenti che questo metodo produce. Lavora davvero su diversi aspetti allo stesso tempo, ed è una gioia sentire il riscontro dei partecipanti che è molto commovente e gratificante."

Il Metodo 88 - Incontro a Brest

GLI ATTORI DEL METODO

Bambole meditative - il Metodo 88

Il racconto "L'Eredità a fior di pelle" è stato scritto appositamente

per questo trattamento.

Ci sono voluti due anni di lavoro per sviluppare il primo racconto specifico del nostro metodo, "L'eredità a fior di pelle".
La struttura narrativa segue le tappe del viaggio iniziatico e si basa sui fondamenti della medicina cinese: i 5 elementi e i meridiani straordinari.
Utilizza simboli che permettono a ciascuno di trovare la propria strada attraverso questo viaggio interiore e di appropriarsi le varie tappe.


La bambola di meditazione agisce come un mezzo ipnotico affinché il corpo sia impegnato in una semplice attività manuale mentre la mente segue il racconto. Ma è anche una rappresentazione simbolica di come ci vediamo in quel momento. Mette in evidenza un aspetto di noi stessi al momento del trattamento, avviene un vero e proprio dialogo interiore.

Lo Shiatsu si concentra sui meridiani straordinari che sono legati all'eredità, legando il cielo anteriore al cielo posteriore.
Le pressioni stimolano le risorse che abbiamo, di cui abbiamo ereditato, ma anche il permesso che abbiamo di usarle o trasformarle a nostro vantaggio. 

Il Metodo 88, con il suo lavoro specifico sui meridiani straordinari, fa emergere una seduta più poetica delle sedute classiche di shiatsu. I movimenti e le pressioni sono più lenti, profondi e sottili, ma anche metaforici. Il tocco diventa una danza dell'energia, che esprime i suoi bisogni e la sua evoluzione e rivela la bellezza del contatto, dello scambio specifico dello shiatsu.

GENESI ED EVOLUZIONE

Il metodo 88 è il frutto dell'incontro tra Delphine e Camille,

del loro desiderio di unire le loro competenze e lavorare insieme.


Questo trattamento è nato naturalmente dai loro scambi di pratica

e dall'evoluzione dei loro rispettivi lavori. 
È un metodo in evoluzione. 


La creazione si basa sull'alleanza di shiatsu e narrazione iniziatica,

con il supporto di bambole di meditazione. 

La prima parte del Metodo 88 è "L'Eredità a fior di pelle"

che racconta la storia di Cheng.

Una trilogia è in preparazione.
Sarà un altro racconto iniziatico, basato sui meridiani straordinari,

i 5 elementi, ma si baserà anche sui tre regni delle rune e i loro simboli. 
Questi tre racconti costituiranno quindi un ciclo di tre incontri per un lavoro approfondito che accompagna lo sviluppo personale.

 

Il Metodo 88 - Cheng e lo scarabeo - L'eredità a fior di pelle - Coralie Roullé